LC-W: la nuova WIDE by Lomography

20 Mag

E’ uscita proprio ieri per la Lomography, la LC-Wide. Una versione ultra-grandangolare della LOMO per eccellenza, la LC-A.

Prima di conoscere meglio la neonata LC-W, guardiamoci l’unboxing di Mijonju, tanto per una prima impressione:

Quella che sto per fare non è una vera e propria recensione della LC-W, dato che non ho avuto il piacere di provarla. Il mio intento è semplicemente quello di guardare insieme a voi le caratteristiche, per capire di che prodotto si tratta.

La LC-W si presenta come un ibrido tra la LC-A+ e la Diana Mini. Della LC-A+ ha ripreso la completa automaticità di tempi e diaframmi, il selettore per le sensibilità dalla pellicola, la possibilità di fare esposizioni multiple e il cavo di scatto flessibile per la posa B. Della Diana Mini, invece, ha ripreso la possibilità di cambiare il formato della foto. Con la nuova LC-W, dunque, si possono fare foto del formato tradizionale (24x36mm) oppure foto quadrate (24x24mm) oppure simpatiche foto rettangolari (17x24mm). In questo video potete osservare il modo si cambia il frame della foto:

A ben vedere, non funziona esattamente come nella Mini, sulla quale c’è un selettore con cui scegliere il frame, a seconda del caso. Nella LC-W, invece, lo si deve scegliere a priori, posizionando l’apposita mascherina all’interno della macchina.

Esempio di Half-Frame (dittico) - 17x24

Esempio di Square Format - 24x24

Se avete qualche dubbio, potete consultare i tutorial su come si monta la pellicola, le batterie e tutto quello che serve per utilizzare al meglio la fotocamera.

La caratteristica principale della LC-W è la lente Minigon ultra-grandangolare 17mm, che trovo molto interessante (ancora più wide della Ultra Wide&Slim by Superheadz, che ha un 22mm). Non solo, ma essendo così grandangolare, si può mettere a fuoco fino a 40 cm dal soggetto. Per questo, la Lomography la settimana scorsa aveva stuzzicato la curiosità dei fan con l’indovinello del “Near and far“! Pare, inoltre, che la lente vignetti e saturi ancora di più, rispetto alle precedenti versioni.

Esempio di Full Format - 24x36

Esempio di Full Format - 24x36

La messa a fuoco, inoltre, è stata semplificata ulteriormente e prevede solo due scelte: 0,40-0,90 cm e 0,90-infinito. Essendo completamente automatica come la LC-A, non si deve stare a pensare che coppia di tempi e diaframmi usare, grazie all’esposimetro interno e al selettore della sensibilità della pellicola, che va da 100 a 1600 ISO. Dunque, la LC-W pare una macchina decisamente adatta alla fotografia street, vista la sua semplicità e velocità di utilizzo.

Esempio di scatto close-up

Alla LC-W si possono ovviamente adattare gli accessori della LC-A+, come lo scafandro per le foto acquatiche e il dorso per le istantanee. Nello shop c’è un bundle in cui è compreso veramente tutto quello che si può desiderare.

La nota dolente, anche questa volta, è il prezzo: 349 euro. Lo trovo decisamente esagerato per una macchina che, anche se robusta, è pur sempre tutta in plastica. Mi chiedo se parte del prezzo sia giustificato dal lussuosissimo packaging della macchina che, come abbiamo visto prima, prevede: la scatola in legno, la fotocamera, due bei libri di fotografia, due rullini, le mascherine, le batterie e il cable release.

Se siete già possessori della LC-A+, potete ottenere un risultato simile a quello della LC-W aggiungendo alla vostra macchina l’obiettivo wide-angle. Avrete, in questo modo, una LC-A+ con un buon grandangolo di 20mm e una visuale pari a 120°, quasi come un fisheye! C’è da dire che con la LC-W non si ha la stessa distorsione prospettica: nonostante l’obiettivo sia un 17mm, l’angolo di visuale è di 107° e varia a seconda della dimensione del fotogramma.

Cosa si può aggiungere di più? A mio avviso, la LC-W è interessante, semplice e immediata per sperimentare tutte le divertenti tecniche lomografiche. Certo, se la Lomography facesse degli incentivi per la rottamazione delle vecchie LOMO, magari un pensierino ce lo si potrebbe anche fare …

Advertisements

21 Risposte to “LC-W: la nuova WIDE by Lomography”

  1. dupalls maggio 23, 2011 a 5:28 PM #

    Se io avessi una vecchia lomo me la terrei!
    349 euri??? Ma sono pazzi!!!

    Mi piace

  2. masinutoscana maggio 24, 2011 a 8:52 AM #

    sembra veramente figa, però 349 € è un prezzo un po’ fuori mercato no?

    Mi piace

    • holgamydear maggio 24, 2011 a 10:21 AM #

      E’ un prezzo alto, decisamente. Il punto è che loro fanno i prezzi, poi sta agli altri decidere se comprare oppure no. Non mi pare, però, che la Lomography se la passi male … anzi!
      A prescindere dal prezzo, la LC-W mi sembra molto interessante, specialmente dal punto di vista della lente.

      Mi piace

      • simone giugno 17, 2011 a 9:46 PM #

        ciao, io sono riuscito a prenderla ad hong kong e il prezzo e’ decisamente minore. e’ l’unico posto al mondo dove i negozi ambasciata hanno i prezzi piu bassi. se vai in cina sono come in italia. e’ una bella macchina, non c’e’ che dire, ma anche se l’ho pagata meno con gli stessi soldi ci prendi una rolleiflex…

        http://www.lomography.com/homes/weidong

        Mi piace

        • holgamydear giugno 17, 2011 a 9:50 PM #

          Eggià, il discorso è proprio questo: con gli stessi soldi ci prendi una macchina migliore e che ha fatto storia.
          Grazie di essere passato, Simone! 🙂

          Mi piace

  3. Luis maggio 28, 2011 a 6:57 AM #

    non male, adoro il formato square 24PER24!

    Mi piace

    • holgamydear maggio 28, 2011 a 9:01 AM #

      Sì, è carino! Nelle pellicole 135 ha proprio il formato di un francobollo, minuscolo! 🙂 Se vuoi, oltre che nella LC-W lo puoi trovare nella Diana mini, insieme al 17×24!

      Mi piace

  4. gessi74 giugno 14, 2011 a 7:16 AM #

    Ciao…
    innanzitutto questo blog è perfetto per chi deve iniziare, come me….sei sempre precisa e molto chiara in quello che spieghi…C’ho messo zero secondi ad aggiungerti tra i preferiti…
    Senti, una curiosità per favore…pensavo…ovvio che, a meno di una piccola vincita, la cifra della lc-w è difficilmente accessibile, quindi alternative? ….ed ho trovato la lente superwide della diana f+, ma mi pare di capire che sia una 25 mm. al contrario di questa che monta un 17 mm. confermi??l’accendiamo??
    Il mio dilemma è: per chi inizia può essere buona comunque??
    Grassie infinite
    Ste

    Mi piace

    • holgamydear giugno 14, 2011 a 8:22 AM #

      Ciao Ste, ti ringrazio molto dei complimenti! 🙂 Mi fanno veramente piacere.

      Allora, sullo shop della Lomography leggo che la lente Superwide della Diana equivale a un 25mm su una pellicola 135. Ora, non è proprio simile alla LC-W, specialmente se usata sul medio formato della Diana (120). Inoltre, essendo una lente aggiuntiva, potresti ottenere la tipica distorsione prospettica del grandangolo (che nella LC-W è assente).
      Potresti però fare una cosa: montare la pellicola 135 sulla Diana (se hai il dorso adatto, oppure artigianalmente) e avere un risultato simile, molto grandangolare e wide. Tanto per farti un esempio, ho cercato su flickr ed è uscito qualche risultato:

      http://www.flickr.com/search/?q=diana+super+wide+lens+35mm

      Ovviamente non è la stessa cosa della LC-W, mi rendo conto. Però meglio di niente, no? 🙂

      Mi piace

      • gessi74 giugno 14, 2011 a 8:25 AM #

        Gentilissima…mo mi sa che devo studià bene la cosa…
        Denghiù veri grazie
        Ste

        Mi piace

  5. fabrizio luglio 7, 2011 a 2:23 PM #

    Galeotto fu il tuo articolo! Adesso la Lc-a Wide fa bella mostra di sè nella mia collezione di fotocamere analogiche. Se può interessare anche questo articolo comparativo tra lc-a, lc-a+ wide-angle lens e lc-a WIDE è mooolto esplicativo e ha avuto la sua influenza

    http://www.lomographyitalia.it/magazine/reviews/2011/06/27/lomo-lc-wide-performance-test

    Mi piace

    • holgamydear luglio 7, 2011 a 2:26 PM #

      Ottimo Fabrizio, grazie della segnalazione e complimenti! Ora divertiti! 🙂

      Mi piace

  6. fabrizio agosto 11, 2011 a 3:37 PM #

    Ciao e bentornata dalle vacanze.
    Ho finalmente sviluppato i primi (2) rullini della LC-W ma…
    Devo dire che il risultato mi ha lasciato un po’ perplesso. Sono mediamente sovraesposte. E’ un problema di esposimetro? oppure e’ un effetto del cross-process ( erano entrambe pellicole per dia: Agfa precisa 100 asa e Kodak ektachrome 100). Come ingannare l’esposimetro in condizioni di luce molto contrastata?
    P.S. spero che il b/n con la rollei sia decente perchè a casa ultimamente mi stanno di molto prendendo in giro ” tu e le tue macchinette delle b@@@e” ( Holga,Diana, SX70,Lubitel e ultima arrivata la LCW )

    Mi piace

    • holgamydear agosto 11, 2011 a 3:58 PM #

      Ciao Fabrizio,
      domanda scema: hai settato la sensibilità sulla macchina a 100 ISO? Comunque potrebbe essere un effetto dell’x-pro, anche! Però non saprei, così, senza vederle …

      Per ingannare un minimo l’esposimetro potresti prendere l’esposizione del soggetto avvicinandoti e premendo leggermente il tasto e poi cercare di conservarla cambiando l’inquadratura e scattare! Non so se mi sono spiegata, ma non è proprio semplicissimo con la LC-A e simili, anzi forse non si può nemmeno fare, per cui non ti assicuro niente … c’è da dire, anche, che l’esposimetro di queste macchine non è sempre preciso.

      Non ti preoccupare, cerca di insistere, alla fine i risultati vengono fuori! 🙂 Anche a me prendono tutti in giro, ma io non li sto neanche a sentire!!

      Mi piace

  7. fabrizio agosto 11, 2011 a 4:54 PM #

    Si, era settato su 100 come doveva essere. Adesso ho in macchina ancora una pellicola negativa, vedrò il risultato di questa. Grazie comunque, ti farò sapere. Purtroppo le foto le ho fatte stampare direttamente al lab quindi mi riesce difficile fartele vedere.
    A quando un tuo bel report sugli scanner?

    Mi piace

    • holgamydear agosto 11, 2011 a 4:57 PM #

      Lo sto scrivendo adesso! Come lo sapevi??! 😀

      Sai, comunque credo che sia proprio un effetto dell’x-pro! Anche le mie spesso sono un po’ sovraesposte, con i cieli bianchi e bruciati …

      Mi piace

  8. fabrizio agosto 11, 2011 a 5:35 PM #

    Cerco di anticipare il sentimento popolare.
    A me piu’ che i cieli, i visi…
    A presto.
    saluti

    Mi piace

Trackbacks/Pingbacks

  1. Arrr, corpo di mille balene! La nuova toy di Lomography: La Sardina « Holga My Dear - giugno 17, 2011

    […] Bando alle ciance, mi sembra di capire che lo scopo della Lomography con La Sardina sia quello di conquistare chi ancora non si è avvicinato alla mania Lomo con una macchina elementare e dal design decisamente accattivante. Ai lomografi navigati invece, può interessare la lente grandangolare, la praticità e, sicuramente, la notevole differenza di prezzo rispetto alla LC-W. […]

    Mi piace

  2. LC-Wide e un 17mm da gestire! « Holga My Dear - settembre 21, 2012

    […] LC-Wide vi avevo già parlato non appena era uscita, come faccio di solito quando c’è qualche novità. Devo ammettere che […]

    Mi piace

  3. La Diana Mini e le stampe in formato quadrato | Holga My Dear - aprile 11, 2013

    […] farò la prova anche con il formato half e vi farò sapere, magari utilizzando la LC-Wide, che ha le stesse […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: