Un lisergico mondo viola: Lomochrome Purple XR 100-400

20 Feb

Della serie “meglio tardi che mai” (forse dovrei aprirla davvero questa rubrica – sono indietro con tutto!), oggi vorrei parlarvi della famosa pellicola Lomography che cerca di somigliare alla Aerochrome. Si chiama Lomochrome Purple XR 100-400 ed è una negativa (non a infrarossi!) uscita in prevendita giusto un anno fa. Ho ordinato il primo lotto di 5 rulli 120 a febbraio, mi sono arrivati ad agosto, ne ho provato uno durante quel mese, ho terminato le 12 pose circa una settimana fa e oggi ho finalmente i risultati. Un anno, ci pensate?

Come avevo accennato nel post del 2013, l’idea era di usarle con la mia cara Lubitel 166 U e così ho fatto. Ho esposto considerando la pellicola a volte come una 400 ISO e a volte come una 100 ISO, a seconda della luce e senza usare filtri. Sviluppo in normale C41. Eccole qui, tutte quante:

Scan-140214-0003 Scan-140214-0001_ps Scan-140214-0002_ps Scan-140214-0005_ps Scan-140220-0002 Scan-140220-0001 Scan-140214-0004 Scan-140220-0003 Scan-140214-0006_ps Scan-140214-0007_ps Scan-140214-0008_ps Scan-140214-0009

Beh, un anno ad aspettare, ma ne è valsa la pena! Trovo questa pellicola poco adatta per i ritratti (si rischiano gli incarnati da marziani. Per carità, son gusti), ma per soggetti naturali, è più che indicata se cercate di dare una svolta lisergica alle vostre foto. I cieli azzurrini, l’erba viola, i rossi accesi, i grigi bluastri, rendono davvero bene un’atmosfera psichedelica. Come vedete, nelle prime foto fatte a agosto e in quelle con i cigni, ci sono dei viola più intensi, dovuti all’esposizione a 100 ISO e al fatto che mi trovavo all’ombra. In queste ultime foto fatte a Tempelhof (subito dopo il marziano), invece, l’erba è più rossiccia e credo di aver sovraesposto un po’ per via della luce filtrata dalle nuvole.

L’ultima foto è tagliata grazie al Laboratorio che ha deciso di mettermi gli adesivi con i numerini proprio là. Cani. Maledetti.

Una piccola e umile nota: con la Purple e con quelle che probabilmente usciranno per la linea Lomochrome, credo che la Lomography stia andando nella direzione giusta. Ora, al di là dei ritardi mostruosi (e dei prezzi), se riuscisse ad investire sulla sperimentazione delle pellicole sarebbe una mossa intelligente, vista l’alta richiesta da parte degli appassionati. Da quanto sono riuscita a capire, le difficoltà sono molte; tra queste, gli alti costi di produzione che mi auguro stiano cercando di arginare con l’apertura anche al mercato della fotografia digitale, viste le ultime uscite della Petzval e del Kit per le Micro Quattro Terzi. Stiamo a vedere, io intanto conservo questi rulli per occasioni … psichedeliche. Presto proverò uno dei due rulli 35mm che ho preso insieme a Pretty in Mad e Fea

Quindi rimanete sintonizzati su queste frequenze o, come dicevano negli anni ’60 in pieno periodo lisergico: Turn on, tune in, drop out!

Advertisements

20 Risposte to “Un lisergico mondo viola: Lomochrome Purple XR 100-400”

  1. Guchi Chan febbraio 20, 2014 a 8:31 PM #

    io ho fatto il primo rullino mesi fa, c’era un gran sole quel giorno e di viola nemmeno l’ombra, anche se le foto che sono uscite mi piacciono parecchio. ho un altro rullo nella Diana che attende di essere finito, sono curiosa di vedere se questa volta c’è il viola! ma tanto se continua a piovere, chissà quando lo finirò!

    Mi piace

    • holgamydear febbraio 20, 2014 a 8:32 PM #

      Abbi fede, Guchi! 🙂 Prima o poi arriverà, questo sole! Mi vado a vedere le tue foto subito.

      Mi piace

  2. Pretty in Mad febbraio 20, 2014 a 10:21 PM #

    io le vorrei tutte verdine, ovviamente mi usciranno viola :v

    Mi piace

  3. robert quiet photographer febbraio 20, 2014 a 11:11 PM #

    Anche se considerata la mia età avrei potuto (dovuto?) confesso di non aver mai fatto l’esperienza dell’acido lisergico! Non so pertanto valutare da questo punto di vista ma devo dire che le foto di Tempelhof mi piacciono molto per la loro tonalità. Quella poi dei 5500 m ha delle tonalità e combinazioni di colori che mi fanno sognare…
    robert
    PS: e sognare un poco è sempre bello…

    Mi piace

  4. {Ludica} febbraio 21, 2014 a 8:30 AM #

    Belle, belle! Ne è valsa davvero la pena. Prima o poi mi deciderò anche io a montare qualche 120 di Purple, tanto per vedere che effetto fa rispetto al 35mm.
    Quanto alla produzione, speriamo davvero che la Lomography continui su questa strada. Capisco la difficoltà e i costi di produzione, ma a me sembra sempre che tentino di vendere la bicicletta senza le ruote: nuove lenti, nuove fotocamere e uno stock di pellicole che piange miseria. E quanto mi mancano emulsioni come la Tungsten o la Sunset Strip! 😦

    P.S.: La pellicola che la Purple dovrebbe imitare (con scarso successo) è la Aerochrome, non la Kodachrome 😉

    Mi piace

    • holgamydear febbraio 21, 2014 a 10:01 AM #

      Ecco! Grazie mille, correggo subito! 😀 Che figuraccia.

      Comunque per le pellicole in stock, hanno sempre avuto grandi difficoltà e non averle disponibili per loro è una gran perdita. A me mancano soprattutto le Sunset, bellissime con quelle tonalità giallognole. A me ha dato un po’ fastidio il fatto che il secondo lotto abbia avuto quel ritardo mostruoso, perché fa un po’ pensare che vogliano vendere un prodotto che ancora è in sperimentazione. Pare che abbiano avuto dei problemi e non potevano vendere quel lotto difettoso, così hanno dovuto tardare. Però boh, comprare in prevendita e avere il prodotto dopo mesi e mesi non mi pare una gran pubblicità, su questo dovrebbero stare molto più attenti.

      Mi piace

      • {Ludica} febbraio 21, 2014 a 11:55 AM #

        Eh, immagino! Con le analogiche, o hai la pellicola, o ti ritrovi con dei bei soprammobili. Secondo me in materia di pellicole dovrebbero investire su quelle emulsioni che qui generalmente non si trovano: un esempio che mi salta alla mente è la Fuji Natura 1600, che con le Toycamera sarebbe perfetta, grazie alla sua alta sensibilità. Non so, magari per una grande azienda l’importazione riesce più semplice. È anche vero che se hanno avuto tutti questi problemi con le pellicole normali, figuriamoci con quelle più ‘atipiche’.
        Quanto al ritardo sulla prevendita sono d’accordo. Avevano fatto una grande pubblicità, ‘promettendo’ anche quella specie di certificato (mai arrivato) che attestava di aver ordinato il primissimo lotto di questa emulsione, e bla bla bla. Alla fine tutto si è risolto in un pacchetto arrivato con mesi di ritardo, e che si presentava peggio di quelli regolari 😦

        P.S.: Spero di non essere stata troppo antipatica per la correzione: ho sempre paura di fare la figura della scassaballe x)

        Mi piace

        • holgamydear febbraio 21, 2014 a 12:12 PM #

          Nooo, anzi, è stata un svista enorme che andava assolutamente corretta! 🙂 Ti ringrazio molto, perchè nella rilettura ero più intenta a correggere la forma che il contenuto, mi succede sempre quando ho voglia di pubblicare e ieri sera non vedevo l’ora di farlo!

          Lo so, lo so, fanno sempre una gran caciara e poi magari devono tornare indietro. E’ una cosa che riscontro con queste aziende più recenti come la Lomography (anche se ha 20 anni!) e la Impossible (nata da una costola della Lomography), che probabilmente devono farsi strada nel mercato, cercando di cavalcare l’onda del vintage che va avanti in questi anni. Infatti, queste cose non succedono mai ad un’azienda come la Ilford che, oltre alla gran qualità delle pellicole e carta, ogni tanto fa uscire qualche chicca come la Obscura. Nonostante tutto, spero che la Lomo riesca davvero in questa impresa delle pellicole, così come faccio il tifo per la Impossible – sperando ci mettano un po’ più di serietà.

          Mi piace

  5. Nonno febbraio 21, 2014 a 11:07 AM #

    Mi è venuta voglia di colore! Ora carico la Diana e me ne vado a fare un giro… Vorrei arrivare fino a Tempelhof me credo mi fermerò a EUR FERMI…sigh…
    Però grazie mi hai fatto tornare la voglia!

    Mi piace

  6. Luca Tommaso Cordoni febbraio 21, 2014 a 4:17 PM #

    Bellissime! adoro la prima (molto aliena e finale di “il pianeta delle scimmie”) e quelle dei cigni! meraviglia!

    ps:al tuo ragazzo è piaciuto il “subito dopo il marziano” ahahahah

    Mi piace

  7. Fra febbraio 22, 2014 a 8:07 AM #

    Amo e adoro! Che dire di più??! Non vedo l’ora di provarle, tempaccio permettendo! ❤️

    Mi piace

  8. GIUI febbraio 27, 2014 a 9:56 AM #

    A me piace molto come risultato!! io ho montato un 35 mm che devo ancora finire, forse per il 2016 ce la farò a vedere il risultato!
    E sono d’accordo su quello che dici, sarebbe bello che Lomography si impegnasse su pellicole sperimentali! Chissà, magari!

    Mi piace

    • holgamydear febbraio 27, 2014 a 9:58 AM #

      Allora ho le dita incrociate su una mano, per sperare che tu finisca presto il tuo 35mm 😀 e sull’altra per l’impegno della Lomo.
      Grazie del commento!

      Mi piace

Trackbacks/Pingbacks

  1. In Love with Lomochrome Purple | Giui - maggio 7, 2014

    […] Lomohrome Purple in rete ho trovato altri articoli interessanti, per esempio quello di Holga my Dear o quello di Pretty in Mad. Voi? avete provato il Lomochrome tanto atteso? Se si, quali sono stati […]

    Mi piace

  2. Los Angeles: tra Lynch, Baywatch e Pantone | Holga My Dear - gennaio 19, 2016

    […] nella calda e soleggiatissima Los Angeles. Con me, la “nuova” Lomo LC-A e un rullo di Lomochrome Purple che non so per quale motivo, è venuto sovraesposto. Avrò fatto qualche cagata stupidaggine io?, […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: