Polaroid, una breve introduzione

25 giu

Pubblico la versione in italiano dell’introduzione che ho scritto per The Polaroid Issue, la rivista di TWTGE. Ho dovuto anche aggiornarla perché nel frattempo ci sono state delle novità dal fronte Pellicola!

La fotografia istantanea è un mondo meraviglioso, affascinante ma anche molto ampio e articolato. Spesso, quando ci si avventura si finisce per fare una grande confusione! Meglio mettere un po’ di ordine all’enorme quantità di informazioni su macchine, pellicole e quant’altro.

La prima informazione che ci interessa sapere è che la Polaroid , purtroppo, ha dismesso la produzione di pellicole e macchine ormai da qualche anno. L’azienda statunitense ha deciso di chiudere con il mercato della fotografia istantanea, ma non per questo dobbiamo demoralizzarci! È per questo motivo che farò riferimento anche a mercatini o siti per la vendita privata, come risorse per l’acquisto delle vostre macchine preferite! Inoltre, senza scordare la qualità dei prodotti della Fuji  la fotografia istantanea è tornata a vivere anche grazie all’impegno dell’Impossible Project e alla produzione di nuove pellicole!

Cominciamo: con quale macchina intraprendere questa meravigliosa avventura?

Se si vuole rimanere sulla fascia economica, ma avere al contempo ottimi risultati, le macchine che mi sento di consigliare sono le Polaroid Land Camera foldingpack. Sono macchine affascinanti e dal look vintage. Ad eccezione di quelle con telemetro Zeiss e lenti in vetro, le altre foldingpack si trovano a poco prezzo su mercatini e siti di vendita tra privati.

Il lato positivo delle foldingpack è che queste macchine sono compatibili non solo con le vecchie pellicole polaroid type 100 (669, 664, 665, 667, ID-UV, 125i, chocolate, blu, sepia), ma anche con le bellissime Fuji FP100c, FP100b, FP3000, attualmente in regolare produzione e sicuramente meno dispendiose delle care Polaroid che, a causa della loro rarità, vengono vendute a caro prezzo anche se scadute da molti anni.

Se siete dei fotografi creativi, vi farà piacere saper che con le pellicole type 100 è possibile eseguire l’emulsion lift, l’image transfer e anche ricavare i negativi.

Fuji FP100c

Se si è appassionati degli anni ’80 non si può non avere una Polaroid type 600. Queste macchine sono molto semplici da usare grazie al fuoco fisso e al flash automatico; sono anche piuttosto economiche se cercate nei vari mercatini. Inoltre, sono state un prodotto molto fortunato dell’azienda americana, perché se ne trovano tantissime divertenti versioni!

Le Polaroid 600 sono compatibili con le classiche pellicole “a sviluppo integrale”, come le Polaroid 600 a colori –  ormai rarissime – o le nuovissime PX600 UV+ Silver Shade e le PX680 Color Shade FF dell’Impossible Project.

Px680 FF

Anche le Polaroid Spectra costano poco e garantiscono davvero ottimi risultati. Sono macchine accessoriate, ma facili e automatiche.

Sono compatibili con le pellicole Polaroid Image  a colori oppure con le recenti PZ600 UV+ monocromatiche dell’Impossible Project e le PZ680 Color Shade. La particolarità di queste pellicole è il formato rettangolare e più grande rispetto al quadrato classico delle type 600.

Polaroid Image Spectra Film

Se si vuole spendere di più, si può puntare alla mitica Polaroid SX-70. Si tratta di una reflex istantanea, uno dei fiori all’occhiello dell’azienda americana. La SX-70 regala immagini sognanti e soft con tutti i vantaggi che una reflex garantisce, come quello di poter avere un’anteprima della fotografia semplicemente guardando attraverso il mirino che, con un sistema interno di specchi, riflette ciò che l’obiettivo inquadra.

Le pellicole compatibili con questo tipo di macchina sono le vecchie TZ Artistic e le Fade to Black della Polaroid che ormai diventano sempre più rare da trovare;  ma anche le PX100 Silver Shade e le PX70 Color Shade Push! dell’ Impossible Project. Non solo, ma semplicemente applicando un filtro ND, anche la SX-70 può saggiare i colori vivaci delle pellicole type 600, che ho citato sopra.

Proprio ieri sono uscite le nuovissime PX70 Color Shade, pellicole a colori e utilizzabili sia sulla Sx-70 che sulla 600, senza il bisogno di nessun filtro.

La particolarità delle pellicole a sviluppo integrale –  in special modo tutte quelle dell’Impossible Project –  è la possibilità di manipolare la foto: una tecnica che apre la porta alla sperimentazione e alla creatività.

Polaroid TZ Artistic

Il meglio del meglio è, a mio parere, la Polaroid 600 SE, una fotocamera con dorso per pellicole type 100. Si tratta di una vera e propria macchina professionale, con ottiche mamiya e telemetro. Ovviamente il costo è alto, ma giustificato dall’alta qualità del prodotto.

La Polaroid, poco tempo fa, ha messo in vendita una nuova macchina istantanea: la Polaroid 300. In realtà, si tratta di una fotocopia della più fortunata e più economica Fuji Instax Mini. La particolarità è il formato delle fotografie, della grandezza di una carta di credito.

Le pellicole, anche in questo caso a sviluppo integrale, sono: le Fuji instax mini e le Polaroid 300.

La Fuji ha prodotto un’altra macchina istantanea che, a mio parere, vale la pena di nominare: la Fuji Instax. Anche se il design è meno affascinante di una vintagissima Polaroid, la qualità delle foto è decisamente alta con colori brillanti e un’ottima definizione.

Le pellicole adatte, sempre a sviluppo integrale, hanno un interessante formato “wide”, adatto anche per delle panoramiche istantanee.

Ci sono poi i dorsi per pellicole istantanee da applicare alle toycamera più famose, come la Holga, la Diana+ e la LOMO LC-A. Il dorso della Holga è compatibile con le pellicole peel-apart (type 100) mentre quelli dedicati alla Diana+ e alla LOMO LC-A sono compatibili con le pellicole Fuji instax mini. Il risultato sono foto istantanee che hanno il tipico mood lo-fi di queste toycam, come l’abberrazione cromatica e la vignettatura.

In ultimo, se volete approfondire, consiglio di visitare questi siti:

E se volete leggere recensioni più dettagliate di alcune delle macchine e pellicole sopra citate, vi rimando alla lettura di questi post:

24 Risposte a “Polaroid, una breve introduzione”

  1. Menico Snider giugno 25, 2011 a 10:40 AM #

    Interessante e di facile comprensione, una bella panoramica sullo stato dell’arte; solamente una segnalazione: la Polaroid 600 SE non è una fotocamera reflex.

    • holgamydear giugno 25, 2011 a 10:43 AM #

      Grazie Menico, mi fa molto piacere che ti piaccia.
      Correggo subito! :)

  2. Frank giugno 25, 2011 a 6:31 PM #

    Avevo letto la versione in inglese, ma la versione in italiano è decisamente di più facile comprensione.
    Comunque, davvero un ottimo articolo.
    Prima o poi comprerò una delle polaroid da te citate!

  3. tsing82 giugno 26, 2011 a 10:14 AM #

    Tu sei semplicemente un mito della fotocamera analogica!

  4. Massimiliano Muner luglio 1, 2011 a 8:52 PM #

    Complimenti per la pubblicazione su TWTGE Silvia!

  5. valentina luglio 5, 2011 a 7:17 PM #

    Interessantissimo, grazie mille per questo post :))

  6. martelfa settembre 20, 2011 a 10:54 PM #

    dottoressa holga, il tuo blog è davvero utile :)

  7. JP ottobre 20, 2011 a 6:17 AM #

    Mi è stato molto utile. Grazie!

    • holgamydear ottobre 20, 2011 a 8:25 AM #

      Grazie a te, sono felice che ti sia stato d’aiuto!

  8. beweightless ottobre 25, 2011 a 9:16 PM #

    Ciao Silvia, ti faccio tanti complimenti per il tuo blog e per le tue foto. Sei davvero brava!
    Volevo farti una domanda. Premetto che sono una super neofita in ambito analogico lo-fi. Faccio molti pasticci, però cerco di impegnarmi e di metterci passione.
    Fino ad ora ho usato solo la mia vecchia Ferrania Eura e la Diana Mini.
    Ho scoperto che in casa, però, c’è ancora una vecchia polaroid: si tratta della Swinger Model 20.
    Ebbene, io non ho mai usato una polaroid in vita mia. Ma ora vorrei fare qualche tentativo.
    Ammesso che la macchina in questione funzioni, per caso mi sai dire che tipo di pellicola si può usare?
    Non ne ho la più pallida idea!
    Grazie in anticipo e complimenti ancora per tutto quello che scrivi (e che scatti!).

    • holgamydear ottobre 25, 2011 a 9:39 PM #

      Ciao beweightless, grazie mille per i complimenti, mi fanno felicissima! :) Purtroppo però devo darti una brutta notizia: la Swinger non è compatibile con nessuna delle pellicole in commercio in questo momento. Mi spiace! :( Se però hai intenzione di affacciarti in questo meraviglioso mondo della fotografia istantanea, ti consiglio di farti un giretto in qualche mercatino o su ebay, cercando magari i modelli che ho scritto nell’articolo qui sopra! Ovviamente, se hai qualche domanda, non esitare a chiedere! :)

      • beweightless ottobre 25, 2011 a 9:59 PM #

        Ma sei velocissima! Grazie! E mi sembrava strano che potessi farla funzionare… Caspita, è un vero peccato. E’ una bella macchinona – forse neanche troppo maneggevole eh – però mi avrebbe fatto tanto piacere usarla. Vedere una macchina così vecchia che funziona e che (magari) fa ancora delle belle foto, non ha prezzo. Uffi…

        • holgamydear ottobre 25, 2011 a 10:09 PM #

          Eh lo so mi spiace molto! In effetti la Swinger ha proprio un bel fascino vintage ma oggigiorno ha lo stesso valore di un fermacarte purtroppo! Ti confesso che anche io, prima di capire quali pellicole e quali macchine usare, ci avevo fatto un pensierino… :)

          • beweightless ottobre 26, 2011 a 5:38 PM #

            Magari tra qualche tempo inventeranno qualcosa per farla funzionare di nuovo. Chissà… Vorrà dire che sfogherò lo mia curiosità con la Fisheye No. 2 che sta arrivando :) Grazie ancora per le tue risposte!

  9. libero novembre 15, 2011 a 4:25 PM #

    complimenti prima di tutto,da neofita della “polaroid” vorrei chiederti un consiglio spassionato,vorrei regalarne una alla mia fidanzata,cosa mi consigli?
    vorrei prenderne una per fare un diversi tipi di foto,ho letto che ci sono anche pellicole con effetti diversi tipo effetto seppia ecc. ecc.
    grazie.

  10. andrea agosto 27, 2013 a 10:11 AM #

    Ciao silvia ,
    Hai fatto un bellissimo articolo. Complimenti!
    Ti volevo fare una domanda , ho comprato una polaroid pif 300 .inizialmente ho comprato 2 pellicole a 12 , 99 ciascuna.il costo peró mi sembra troppo alto , costatando che una foto costa 1, 30 circa. Puoi consigliarmi qualche offerta su queste pellicole?
    Grazie.

    • holgamydear agosto 27, 2013 a 8:13 PM #

      Ciao Andrea, grazie mille, hai provato a cercare su ebay? Delle volte si trovano delle buone offerte dalla Cina, comprando uno stock di 10 pacchi di pellicole e pagandoli sui 7-8 euro l’uno. Ovviamente c’è da aspettare un po’ per le spedizioni, ma forse è la cosa più conveniente. Con la Polaroid 300, poi, puoi comprare anche le Fuji Instax Mini, quindi non c’è bisogno di cercare per forza le Polaroid.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.644 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: